Quali sono le spese straordinarie per i figli?

Le spese straordinarie per i figli possono includere costi come cure mediche non coperte dall’assicurazione, istruzione extrascolastica, attività sportive o artistiche, viaggi educativi, rette scolastiche per istituti privati, materiali scolastici, patente di guida, computer ecc, e altre necessità o opportunità che non rientrano nelle spese di base quotidiane. Le spese straordinarie sono tutte le voci di spesa ulteriori alle spese di mantenimento cd. Ordinario che comprendono ad esempio la contribuzione ai costi di vitto, l’alloggio, vestiario ecc. tuttavia il concetto di spesa straordinaria può variare in base al contesto legale o alle decisioni prese dai genitori che possono in accordo derogare alle previsioni normative (ad esempio includendo le spese del vestiario per i cambi di stagione nelle spese straordinarie) o in base a decisioni dell’autorità giudiziaria.

Come si concordano le spese straordinarie per i figli?

Le spese straordinarie per i figli possono essere concordate tra i genitori attraverso negoziati diretti o tramite mediazione familiare, dove si discute e si raggiunge un accordo su quali spese saranno considerate straordinarie e come verranno gestite. In alcuni casi, queste spese possono essere stabilite da un accordo di separazione o divorzio o da un ordine del tribunale.

È importante che i genitori comunichino in modo aperto e trasparente e cerchino di trovare soluzioni che siano nell’interesse superiore del bambino. Se non è possibile raggiungere un accordo, è possibile che il tribunale intervenga per prendere una decisione.

Scopri i servizi di Diritto di Famiglia dello Studio Legale Laura Di Francia

 Quali spese straordinarie non necessitano di preventivo accordo tra i genitori?

Alcune spese straordinarie possono essere di natura urgente o imprevista e potrebbero richiedere un’immediata azione senza il tempo per concordare preventivamente tra i genitori. Alcuni esempi di spese straordinarie che potrebbero non essere concordate in anticipo includono:

  • Emergenze mediche: Se un bambino ha bisogno di cure mediche urgenti o di un intervento medico improvviso che non può essere previsto in anticipo.
  • Riparazioni urgenti: Come riparazioni alla casa o al veicolo necessarie per garantire la sicurezza o il benessere del bambino.
  • Viaggi urgenti: Come viaggi necessari per motivi familiari o personali, come un funerale o un evento importante, che richiedono spese di trasporto o alloggio non pianificate in anticipo.
  • Attività educative o ricreative improvvisate: Come opportunità educative o ricreative che si presentano improvvisamente e che potrebbero arricchire l’esperienza del bambino, come un’opportunità di partecipare a un campo estivo o a un evento sportivo.

In questi casi, un genitore potrebbe essere autorizzato a prendere decisioni e sostenere le spese straordinarie senza il consenso preventivo dell’altro genitore, purché sia nell’interesse superiore del bambino e venga comunicato tempestivamente all’altro genitore. Tuttavia, è importante che tali decisioni siano sempre prese tenendo conto del benessere e degli interessi del bambino.

Inoltre, le spese straordinarie già concordate tra i genitori prima della separazione si ritengono già autorizzate ad esempio se un figlio pratica da sempre uno sport il genitore dopo la separazione sarà tenuto a contribuire a detta voce di spesa a meno che non giustifichi il diniego in modo motivandolo. 

La mensa scolastica rientra tra le spese straordinarie?

La classificazione della mensa scolastica come spesa straordinaria dipende dal contesto e dall’accordo tra i genitori o dalle disposizioni legali. In molti casi, la mensa scolastica potrebbe essere considerata una spesa ordinaria, poiché è una spesa ricorrente legata alla routine quotidiana dei bambini durante il periodo scolastico. Tuttavia, se la mensa scolastica è costosa o se è richiesta solo occasionalmente per particolari eventi o circostanze, potrebbe essere considerata una spesa straordinaria.

È importante stabilire chiaramente cosa rientra nelle spese straordinarie secondo gli accordi o le disposizioni legali applicabili. Se sorgono dubbi, è consigliabile consultare un avvocato specializzato in diritto di famiglia per ottenere una consulenza specifica sulla situazione.

Scopri i servizi di Diritto di Famiglia dello Studio Legale Laura Di Francia

L’abbigliamento per il cambio stagione rientra tra le spese straordinarie?

Le spese per l’abbigliamento cambio stagione possono essere considerate spese straordinarie per i figli, specialmente se sono al di là delle normali necessità quotidiane. Questo potrebbe includere l’acquisto di nuovi capi di abbigliamento adatti alla stagione in corso, come giacche invernali, cappotti, scarpe resistenti alla pioggia o abiti leggeri per l’estate.

La suddivisione di queste spese dipenderà dagli accordi presi tra i genitori o dalle disposizioni stabilite dal tribunale, come menzionato in precedenza. Tuttavia, poiché l’abbigliamento cambio stagione può essere considerato una necessità per garantire il comfort e la sicurezza dei bambini, potrebbe essere incluso nella lista delle spese straordinarie che vengono divise tra i genitori in base a vari metodi, come la percentuale di reddito o la condivisione equa.

Come vengono suddivise le spese straordinarie per i figli?

Le spese straordinarie per i figli possono essere suddivise in diversi modi, ma spesso dipende dall’accordo preso tra i genitori o dalle disposizioni stabilite dal Tribunale in caso di separazione o divorzio. Alcuni dei metodi comuni includono:

  1. Percentuale di reddito: Le spese straordinarie possono essere divise in base alla percentuale di reddito di ciascun genitore. Ad esempio, se un genitore guadagna il 60% del reddito familiare, potrebbe essere responsabile del 60% delle spese straordinarie.
  2. Condivisione equa: Le spese straordinarie possono essere suddivise in parti uguali tra i genitori, indipendentemente dal reddito.
  3. Contributo proporzionale: I genitori possono contribuire alle spese straordinarie in base alla loro capacità finanziaria individuale o alle risorse disponibili.
  4. Pianificazione anticipata: Alcune famiglie scelgono di pianificare le spese straordinarie in anticipo, stabilendo un fondo comune o un conto separato per coprire tali costi.

Indipendentemente dal metodo scelto, è importante che i genitori stabiliscano chiaramente le regole e gli accordi relativi alle spese straordinarie per evitare conflitti futuri. Inoltre, in alcuni casi, le leggi locali o le disposizioni legali possono influenzare la suddivisione delle spese straordinarie. Consultare un avvocato esperto in diritto di famiglia può essere utile per ottenere informazioni specifiche e consigli legali.

Scopri i servizi di Diritto di Famiglia dello Studio Legale Laura Di Francia

Come fare se le spese straordinarie non vengono pagate?

Se le spese straordinarie non vengono pagate da una delle parti, ci sono diverse opzioni da considerare:

  1. Comunicare: Iniziate comunicando con l’altra parte in modo chiaro e documentato riguardo al mancato pagamento delle spese e cercate di risolvere la questione in modo amichevole.
  2. Mediazione: Potete cercare assistenza da un mediatore familiare per aiutare a risolvere il problema in modo neutrale e strutturato.
  3. Accordo scritto: Se avete un accordo scritto riguardo alle spese straordinarie, potete far valere i vostri diritti legali in base a tale accordo.
  4. Ricorso legale: Se le altre opzioni non funzionano, potreste considerare di coinvolgere un avvocato per esaminare le vostre opzioni legali, che potrebbero includere l’avvio di un procedimento giudiziario per far rispettare l’accordo o per ottenere un ordine del tribunale che obblighi il pagamento delle spese.
  5. Tribunale: Se non è possibile risolvere la questione altrimenti, potreste dover ricorrere al Tribunale per ottenere una decisione formale su come affrontare il problema delle spese straordinarie non pagate.

È importante tenere traccia di tutte le comunicazioni, ricevute e documenti relativi alle spese straordinarie per supportare il vostro caso in qualsiasi azione legale o negoziazione.

Cos’e’ il protocollo dei tribunali sulle spese straordinarie?

I protocolli dei Tribunali sulle spese straordinarie sono linee guida o procedure stabilite dai Tribunali per gestire e determinare le spese straordinarie nei casi di separazione, divorzio o controversie familiari. Questi protocolli possono variare da giurisdizione a giurisdizione e possono includere:

  1. Definizione di spese straordinarie: Specificano quali tipi di spese possono essere considerate straordinarie e quali sono considerate spese ordinarie.
  2. Procedure di determinazione: Indicano come le spese straordinarie devono essere identificate, documentate e valutate per essere considerate nel calcolo del sostegno dei figli o nell’accordo tra le parti.
  3. Responsabilità finanziaria: Stabiliscono chi è responsabile del pagamento delle spese straordinarie e in che misura, considerando le risorse finanziarie e le circostanze delle parti coinvolte.
  4. Ricorso al tribunale: Forniscono indicazioni su come e quando le questioni relative alle spese straordinarie possono essere presentate al tribunale e risolte attraverso procedure giudiziarie.
  5. Mediazione o negoziazione: Incoraggiano l’uso di alternative al ricorso al tribunale, come la mediazione familiare o la negoziazione tra le parti, per risolvere le questioni relative alle spese straordinarie in modo amichevole e cooperativo.

Questi protocolli sono progettati per fornire una guida uniforme e trasparente per affrontare le questioni legate alle spese straordinarie nei casi di diritto di famiglia, al fine di promuovere soluzioni equilibrate e nel miglior interesse dei bambini coinvolti.